4.11.11

"Gli alberi sono lo sforzo infinito della terra per parlare al cielo in ascolto". Rabindranath Tagore


L'albero e la primavera di Giuseppe Lipparini:
"Vedi quell'esile tronco che trema sul dorso del colle? Qui nella valle è freddo, è buio: ci opprime Scirocco umido, greve; le cose son piene di fango e di nebbia; gridano i rami di brina, i muri hanno odore di muffa. Pure, lassù, non la vedi? là, dietro quell'albero solo, s'apre una striscia di cielo, e l'albero gracile oscilla verso il turchino, perché lontano, lontano ha veduto lungo le prode dei fiumi sopraggiungere la primavera".

No comments:

Entri Populer

Cerca in questo Blog